Piazza Diaz, 38 - 46030

Formigosa di Mantova

+39 0376 440311

Contattaci

Area Riservata



Testimonianze Popolari


brigata-corale-tre-laghi-ma

LATO A

1. VILLOTTE (ric. ed arm. N. Montanari) canti popolari friulani
a -Dutis, dutis filin lane
b Serenata: E’l gial a’l chante
c -E jo ti amavi ...
d -Vin plui bon
2. AM VÖI MARIDAR (trascr. R. Dionisi) canto popolare raccolto nel mantovano
3. LA PERNETE (elab. T. Zardini) canto popolare del XV secolo originario dal Forez (Francia)
4. NINA-NANA (elab. T. Zardini) canto popolare raccolto nel mantovano
5. L’UVA FOGARINA (elab. T. Zardini) canto popolare lombardo

LATO B

1. IL GRILLO (trascr. T. Zardini) canto popolare raccolto nel mantovano
2. J’ABBRUZZU (arm. L. Leali) canto popolare abruzzese
3. CRAPA PELADA (trascr. R. Rossi) canto popolare milanese
4. PINOTA (trascr. T. Zardini) canto popolare raccolto nel mantovano
5. L’INVITO RESPINTO (trascr. A. Agazzani) canto popolare piemontese
6. LES PLAISIRS SONT DOUX (arm. R. Rossi) canto popolare valdostano (La bergère des Aravis)
7. O TERESA (rielab. L. Guernelli) canto popolare raccolto nel mantovano

…Cantare in coro può sembrare una delle tante «passionacce» favorite dal tempo libero. Cantare, come ora cantano gli amici della «Brigata» mantovana, oltre ad essere un fatto amicale, diventa fatto di cultura. Ed è ciò di cui oggi maggiormente necessitiamo. (Angelo Agazzani)

…Da quando ascolto cori, non ho mai sentito niente di più nuovo e musicalmente perfetto: nuovo, perchè non è una delle tante imitazioni eccitate del cosidetto canto di montagna; musicalmente perfetto, perchè finalmente si è coinvolti nella profonda meditazione dello spazio quotidiano, espresso in suoni e racconti, come in un continuo reinventare la vita nel tempo, che ogni sera finisce. (Bepi De Marzi)

…Che un coro rivolga la sua attività anche alla ricerca ed all’ espressione dei canti della propria. terra è un fatto altamente pregevole e merita l’incondizionato elogio di tutti noi, patiti del canto nato dal popolo. E’ da augurarsi che tante corali seguano l’esempio della Brigata Corale 3 Laghi, in modo da arginare il processo di dispersione dei nostri bellissimi canti popolari. (Silvio Pedrotti)

 

VILLOTTE FRIULANE (ricostruzione e armonizzazione N. MONTANARI)
Friuli - Con la frottola e la villanella, la villotta è uno dei generi canori più antichi della tradizione popolare. Composizione particolarmente poetica, di genuina caratterizzazione popolare, essa ha subìto influssi diversi a seconda del territorio di provenienza. Tipica quella friulana, nella quale è predominante il tema amoroso (Dutis, dutis fìlin lane -Serenata: e’I gial a’l chante -E jo ti amavi. ...), ma dove si possono trovare anche esempi di goliardica allegria (Vin plui bon).
DUTlS, DUTIS FìLIN LANE

Dutis, dutis fìlin lane e no me jo che fìli lin. Dutis, dutis si marìdin e ancje jo chest san Martin.
SERENATA: E ‘L GIAL A ‘L CHANTE

E ‘II giàl a ‘I chante e cri che ‘I dì mandi, ninine, voi a dormì.
« E JO TI AMAVI...»

E jo ti amavi di picinine, e quand tu vévis sièt vot àins. E ma cumò jo ti ami plui che mai.
VIN PLUI BON

Vin plui bon di chest nò-nd’è bon al è si la fè. Cà mezz litro, «un par me», poi’ qualchi villotta insieme ciantarìn.

AM VöI MARIDAR (trascrizione R. DIONISI)
Lombardia - Il canto popolare italiano è ricco di motivi, nei quali il, tema è la disputa tra madre e figlia circa la scelta del tempo delle nozze o del pretendente più indicato. La conclusione della disputa è molto spesso il desiderio della figlia di farsi monaca di fronte ai dinieghi della madre; non è il caso di questa versione, nella quale, evidentemente, la madre riesce a convincere la figlia circa l’effettiva fama di traditori dei suoi tre pretendenti.
Nota in altre regioni (Trentino: «Mama cara mi vòi maritare»), questa versione è stata raccolta in Mantova ed ha la particolarità che i pretendenti, «alla presenza» della figlia, sono diventati di «bella presenza». Mama, mama, am vöi maridar. Am vöi maridar s’at füsi contenta: g’ho tri morós bela presensa. Figlia mia, dimmi chi è; figlia mia, dimmi chi è i to tri morós bela presensa. Mama, mama, te lo dirò: ün l’è ‘I fornèr, l’altar ‘I spisièr e c’l’altar l’è ‘I fioel dal segretari. Figlia mia, non li sposar! l-è tüti tri dla compagnia di traditor, Nineta mia! Mama, mama, chi hai mai tradì? Mama, mama, chi hai mai tradì i me tri morós bela presensa? Figlia mia, te lo dirò: lor i-ha tradì prima la Rosina, po’ l’Angilina. Bela presensa! ! !
LA PERNETE (elaborazione T. ZARDINI)
Francia - Le sue origini sono state stabilite nel XV sec. come tempo e nella regione del Forez come territorio. Della vicenda in esso narrata, tragico-amorosa, vengono qui proposte alcune strofe, nelle quali una giovane, novella Penelope, in paziente attesa dell’innamorato, occupa il suo tempo a tessere.
La Pernete se lève trois heurs avant le jour. Prenant sa quenouillette avec son petit tour. A chaque tour qui vire fait un soupire d’amour.
NINA - NANA (elaborazione T. ZARDINI)
Lombardia - Non vi è regione italiana, nella quale non si riscontri una « Ninna –nanna » in veste del tutto singolare. In riferimento alla presente, non si ha notizia di altre versioni simili e, pertanto, è da ritenere tipica del territorio mantovano, dove appunto è stata raccolta (Mantova).
Nina nana, nina nana, dormi, o bimbo, e fa la nana, fa la nana, fa lò lò.
AI gatìn vicin al föch s’indormensa poch a poch; in dia cüna dirinpèt (nella culla di fronte) dòrom placid on pütlet. (dorme ... un bambino) Fa la nona ‘n pisolìn intant ch’la veglia ‘I so pütin. (bambino) Nina nana, nina nana, dormi, o bimbo, e fa la nana, fa la nana, fa lò lò. E in di-ombre chiete e fide pasa on angelo e soride. Nina nana, nina nana, dormi, o bimbo, e fa la nana, fa la nana, fa lò lò.

L’UVA FOGARINA (elaborazione T. ZARDINI)
Lombardia - Originario della zona di confine tra le province di Mantova e Cremona, questo motivo è probabilmente il risultato di un’involontaria contaminazione tra due canti: quello che vuol essere un inno alla vendemmia e quello che ha per argomento il tema della donna fannullona. Data la pochezza del testo, il canto è stato reso in parte ad imitazione di fanfara.
E com’è bella l’uva fogarina, e com’è bello saperla vendemmiar e far l’amor con la mia bella e far I‘amore in mezzo al prà. Filar la ‘n vöi filar, cusìr non la sa far, i! sol de la campagna la dis ch’al ghe fa mal. Teresina inbriagona, poca voja ‘d laorar; la s’è tolta ‘na vestaglia la gh’l’ha ‘ncora da pagar. E com’è bella l’uva fogarina, e com’è bello saperla vendemmiar e far l’amor con la mia bella e far l’amore in mezzo al prà.

 

IL GRILLO (trascrizione T. ZARDINI)
Lombardia - Raccolto in Mantova, questo antico canto, presumibilmente del XVII sec., si incontra nella tradizione popolare di molte regioni italiane («De piscenin che l’era» nel milanese, «II maritino» in Piemonte, ... ). Nella caricatura di un uomo di bassa statura, in questa versione si fa riferimento al grillo, in quanto con tale termine viene indicata la persona piccola nel dialetto mantovano. Questo grillo, poi, è stranamente addobbato con «la piuma sul capel», probabile contaminazione da «‘L grileto e la formicola».

Povero grillo, ch’l’era tanto bel quand al portava la piüma in sal capel! ‘Na scüciarada da calsina (cucchiaiata di calce) al s’è fat la so caslina; (casetta) con cal poch ch’a gh’è restà al s’è fat ‘I so porslìn. (porcile)
Con ‘na fója d’erba spagna al s’è fat la so gabàna; (cappotto) con cal poch ch’a gh’è restà al s’è fat ‘n barcioldìn. (berrettino) Con ‘na gücia dispontàda (ago spuntato) al s’è fat ‘na bela spada; con cal poch ch’a gh’è restà al s’è fat ‘n ronchinìn. (falcetto)
Tantìrolon, tantìrolon, tant l’era picinin!
Con on gran ‘d formentón lu gh’n’ha a sè par ‘na stagion; con cal poch ch’a gh’è restà’ al s’è fat ‘n polentin.
Con on gran d’üa basgàna (qualità d’uva) lü ‘I beveva par ‘na smàna; (settimana) con cal poch ch’a gh’è restà al s’è fat ‘I sugolìn. (dolce a base di mosto)
Tantìrolon, tantìrolon, tant l’era picinin!
Povero grillo, ch’l’era tanto bel quand al portava la piüma in sal capel!

J’ABBRUZZU (armonizzazione L. LEALI)
Abruzzo - Motivo inneggiante all’incredibile bellezza di una montagna, il Gran Sasso, e dell’ambiente naturale che la circonda. Il canto, pur se di autore, è entrato a far parte della tradizione canora abruzzese, essendo riuscito a trasmettere l’incanto di un mondo pastorale di antiche tradizioni, ferme nel tempo.
Su’ sajjtu à ju Gran Sassu so’ remastu ammutulito, me parea che passu passu ji’ sajesse a j’infinitu!
Po’ so jitu a la Maiella, la montagna tutta ‘n fiore; quant’è bella, quant’è bella: pare fatta pe’ l’amore!
Che silenzio, quanta pace, che malìa la ciaramella! Ju pastore guarda e tace, pe’ ju Diu de la Maiella; ju pastore veja e tace pe’ ju Diu de la Maiella.

CRAPA PELADA (trascrizione R. ROSSI)
Lombardia - Canto antichissimo della tradizione lombarda, in particolare milanese, ha per argomento una disputa tra fratelli per futili motivi culinari. Sembra, tra l’altro, che la protagonista, Crapa Pelada, si atteggiasse ad essere la fidanzata del celebre pittore Caravaggio.
Crapa pelada la fà i tortei ghe ne dà minga ai so fradei; i so fradei han fàt la laciada ghe ne dàn minga a Crapa Pelada.

PINOTA (trascrizione T. ZARDINI)
Lombardia - E’ una versione del noto «Convegno notturno» riportato dal Nigra, raccolta nel mantovano. Canto molto antico e diffuso in molte regioni italiane, le sue molteplici versioni differiscono e per la melodia e per le diverse conclusioni, alle quali perviene il «Convegno notturno». Nel presente caso, non si ha alcuna precisazione riguardo agli sviluppi dell’incontro amoroso.
O Pinota, bella Pinota, una grazia vorrei da te
Dimmi, dimmi, che grazia vuoi? « una notte dormir con te ».
Vieni, vieni, all’undici ore, quando mamma e papà non c’è.
L’undici ore son già suonate, o Pinota, vieni ad aprir.
Sono scalza e in camiciola, dammi il tempo da rivestir.

L’INVITO RESPINTO (trascrizione A. AGAZZANI)
Piemonte - Di origine tra il XVII e il XVIII secolo, il canto narra dei convegni amorosi che avevano luogo a Savigliano, presso Torino, tra le guardie di Madama Reale (Cristina di Francia) e le damigelle piemontesi.
A son le goardie di Madama van fé l’amor a Saviglian. Van a fé l’amor con le damisele grassiose e bele, tant bele man!
Pijé voi bela stò zòlì bochetò tutò ligheto d’òr e d’arzan.
« Ah! le mie man a na son tant bianche l’òr e l’arzan a je sporcheran! »

LES PLAISIRS SONT DOUX (La bergère des Aravis) (armonizzazione R. ROSSI)
Valdaosta - Di probabile origine provenzale, il canto tratta l’argomento amoroso in modo piuttosto originale: la corte di un cavaliere ad una pastorella già innamorata ed il consiglio di costui affinchè ella ne approfitti mentre è giovane. Nel canto tuttavia figurano anche passi di amore più tradizionale, com’è per le due strofe, che vengono proposte.
Les plaisirs sont doux d’etre près de vous, la belle. Je soupire à vos genoux, je brûle d’amour pour vous!
Les plaisirs sont doux, demoiselle, d’etre près de vous!
Peut on voir les yeux sans être amoureux, la belle. Ils sont doux et gracieux, ils sont tous remplis de feu! Peut on voir les yeux, demoiselle, sans être amoureux.

O TERESA (rielaborazione L. GUERNELLI)
Lombardia - Canto noto in altre regioni dell’Italia settentrionale, è stato raccolto in questa versione in provincia di Mantova, nel goitese. Come in molti altri motivi popolari, anche in questo ricorre il tema della donna vagabonda, che, al lavoro nei campi, preferisce ricamare fazzoletti per il suo innamorato.
Se tu fossi una regina ti vorrei incoronare, ma tu sei ‘na contadina: va in campagna a lavorare.
In campagna non ci vado perchè il sole mi fa male; mi ritiro in cameretta a cucire e ricamare.
A cucire e ricamare fazzoletti del mio amore, ch’è arrivato ieri sera con la corsa del vapore.

 

Brigata Corale 3 Laghi
Tel. +39 0376 440311 | Fax: +39 0376 440311
Sede Legale: Piazza Diaz 38 - Formigosa di Mantova (MN) - 46100
P.I. 00557780202 | C.F. 80022700209 | E-mail: info@corale3laghi.com
Powered by b2i - Business to Internet